John Grisham e la giustizia sociale

Standard

John Grisham ha fatto parte di un panel di relatori che hanno parlato del libro Il buio oltre la siepe di Harper Lee e in generale di giustizia sociale in un convegno svoltosi il 3 marzo 2017 alla scuola di legge della University of Alabama, a Tuscaloosa.

Il buio oltre la siepe, il cui titolo originale è To kill a mockingbird ed è uscito nel 1960, è il romanzo-simbolo della lotta per i diritti civili contro la segregazione razziale, in un periodo cruciale della storia degli Stati Uniti. Ambientato proprio in Alabama, ha per protagonista un avvocato bianco, Atticus Finch, che assume la difesa di un uomo di colore accusato di un crimine che non ha commesso, in una cittadina ribollente di rabbia e pregiudizio.

IL BUIO OLTRE LA SIEPE COME IL MOMENTO DI UCCIDERE?

C’è chi ha visto un parallelismo tra l’opera di Harper Lee (autrice scomparsa nel 2016, all’età di novanta anni) e il romanzo d’esordio di John Grisham, Il momento di uccidere, pubblicato per la prima volta nel 1989. Grisham, tuttavia, ha evidenziato che le somiglianze sono ben poche. “Fin dal primo capitolo è ben chiaro che Il momento di uccidere è molto differente da Il buio oltre la siepe”, ha detto lo scrittore, pur ammettendo l’influenza che il libro della Lee ha avuto su di lui, appassionato lettore già da adolescente, durante gli anni di crescita in Mississippi. Uno stato molto simile all’Alabama in quanto a problemi razziali, il cui clima, in quegli anni ’60, era seriamente infuocato.

Il personaggio principale di Il momento di uccidere, Jack Brigance, è un brillante avvocato bianco e benestante del profondo Sud, ma a differenza di Atticus Finch si trova a difendere un nero che ha ucciso per vendetta due bianchi, dopo che questi avevano violentato sua figlia. Il protagonista di Il buio oltre la siepe, invece, difende un uomo accusato di aver abusato sessualmente di una ragazza. Tuttavia è stato un romanzo che, introdotto a scuola da un suo insegnante di inglese, fece presa sul giovane Grisham grazie allo stile chiaro e diretto, alla comprensibilità di personaggi e temi, in contrapposizione con l’eccessivamente complesso ed ermetico Faulkner il quale, ricorda Grisham “più lo leggevo più provavo repulsione per lui”.

LA SCRITTURA COME DENUNCIA SOCIALE

Il buio oltre la siepe si pone in un filone di molti libri che sostenevano il cambiamento sociale contro la disuguaglianza e la corruzione, grazie ai quali “la situazione del Sud fu finalmente esposta, furono fatte conoscere al mondo le tristi verità su segregazione razziale, violenza, leggi Jim Crow, ingiustizie, tutte questioni che furono assorbite e fatte proprie da tante persone in tutto il mondo”.

John Grisham ha ricordato poi i complimenti di Gregory Peck, attore che interpretò Atticus Finch nell’adattamento cinematografico di Il buio oltre la siepe nel 1962, per Il momento di uccidere: “Disse che mentre lo leggeva, c’erano attimi in cui si sentiva trasportato di nuovo in quel tribunale dell’Alabama. Quindi Atticus Finch si complimentava con me per il mio primo romanzo! Un libro che vendette solo cinquemila copie e che, per quanto ne sapevo, non avrebbe raggiunto nemmeno la costa occidentale”.

Grisham ha infine ribadito che con i suoi libri, che si avvicinano ai 300 milioni di copie vendute in tutto il mondo, vuole sfidare il potere: “La consapevolezza viene prima dell’azione e gli scrittori non si sono mai tirati indietro dalla loro responsabilità sociale nell’esporre il male, i crimini e l’ingiustizia. E io non voglio certo starmene buono o tirarmi indietro. Ci sono tante storie da raccontare, questioni da esporre e altrettanta ingiustizia da esplorare. Ho compiuto 62 anni, spero di avere il tempo!”, ha concluso con una battuta. Perché la forza di John Grisham è questa: affrontare tematiche serie senza perdere il gusto della narrazione e del coinvolgimento del pubblico.

John Grisham duro su Donald Trump

Standard

Sono terrorizzato da Donald Trump. Non mi è mai piaciuto. È un personaggio da reality show che si è catapultato nella realtà, dopo aver travolto dli americani di paure e promesse che non potrà mai mantenere. Ci aspettano le tenebre”. Tutt’altro che lusinghiero il giudizio di John Grisham sul presidente degli Stati Uniti, in un’intervista di Antonello Guerrera uscita su La Repubblica nel dicembre 2016, quando Trump non si era ancora insediato alla Casa Bianca.

GLI IDEALI POLITICI IN GRISHAM

Ex membro democratico della Camera dei Rappresentanti del Mississippi, uno stato del profondo Sud tradizionalmente repubblicano nonché uno dei più poveri e retrogradi, nei legal thriller di John Grisham la politica ha sempre mantenuto una presenza importante, attraverso temi delicati quali il razzismo, la pena di morte, i lati oscuri del sistema giudiziario, l’ambiente, i diritti civili, le ingiustizie sociali di un paese ricco di contraddizioni. Inoltre in alcuni romanzi, come Il rapporto Pelican e Il Broker, tra i personaggi compare anche un fittizio presidente degli Stati Uniti.

Io ho sempre fiducia nella legge, è la nostra guida – continua lo scrittore – Come contro i fascisti, i violenti e gli xenofobi, che ora dopo l’elezione di Trump faranno ancora più rumore, farà sempre il suo dovere. Abbiamo leggi molto forti contro queste persone e contro i loro crimini, così come contro quel sentimento di auto-giustizia che Trump incarna. L’America non si spaccherà. L’odio non vincerà”.

LA VERITA’, ULTIMO BALUARDO

Di Trump, Grisham detesta “la sua disonestà. Come dissacra la verità. Per me è la cosa più agghiacciante di lui. A volte le sue bugie vengono giudicate come delle spacconate, ma non è così. Trump manipola la verità, la realtà”, con rischi seri per le istituzioni e la società americane.

John Grisham non usa molto i social media e ha scoperto relativamente tardi il triste fenomeno delle fake news, della post-verità, ma non si esime da un commento in merito: “Di questo passo la nostra società non potrà sopravvivere, se ogni volta viene messa in discussione o falsificata la credibilità degli studi scientifici, dei giudici, dei giornalisti o di qualsiasi altro esponente istituzionale. E’ un modello insostenibile. Il nostro personale compito sarà, ogni giorno, di spiegare ai nostri figli che cos’è la verità: a casa, a scuola, alle università, punendo più severamente le bugie. È la vera resistenza contro Trump. Il nostro futuro dipende terribilmente da questo“.

John Grisham contro la HB 1532

Standard

mississippi_hb1532

Nel mese di aprile 2016 lo scenario politico del Mississippi, stato di cui John Grisham è originario, è stato interessato da una turbolenza scatenata dalla firma della legge HB 1532 (House Bill) da parte del governatore repubblicano Phil Bryant. Il provvedimento autorizzerebbe esercizi pubblici e privati quali hotel, ristoranti, negozi, scuole e ospedali, in nome della libertà religiosa, a negare i propri servizi agli omosessuali e in genere alle persone LGBT. Il Mississippi, storicamente, è uno degli stati più conservatori e retrogradi degli Usa, ma non tutti sono rimasti a guardare.

LA PROTESTA

Ben 95 scrittori e intellettuali del Mississippi, tra cui appunto Grisham e altri autori noti come Donna Tartt, hanno firmato una lettera di protesta (scaricabile qui) contro la legge firmata dal governatore Bryant, per la difesa dei diritti civili. Alla mobilitazione si sono presto aggiunti aziende importanti come la IBM e personaggi di altri ambiti come Bruce Springsteen e Bryan Adams, con quest’ultimo che ha persino cancellato un concerto in Mississippi in segno di protesta.

L’HB 1523 viene vista come un esempio tangibile del lato reazionario del Mississippi, ma che secondo i firmatari della lettera non è l’unico, nello stato che diede i natali a William Faulkner. Il Mississippi reazionario “ha nutrito intolleranza, degrado e brutalità, considerando ciò che è diverso come una minaccia alla famiglia e ai suoi valori. Invece esiste un altro volto del Mississippi, che tiene in considerazione compassione, carità, gentilezza e una serie di altre affinità condivise quotidianamente dagli abitanti dello stato, abbracciando ciò che è diverso. E’ questo sentimento che ha allevato la grande letteratura nata in Mississippi

Ciò che la letteratura ci insegna è l’empatia – prosegue il testo – Ci ricorda che tendere una mano ai nostri prossimi, anche se sembrano differenti da noi e amano differentemente da noi, significa dire loro: tu sei un essere umano come me, vieni dallo stesso posto, affronti le stesse difficoltà. Gli autori del Mississippi hanno narrato il dolore e la delusione, ma anche l’orgoglio e il fiero desiderio di vedere una politica di questo stato che sia all’altezza delle aspettative dei suoi cittadini. E’ davvero sgradevole per molti di noi vedere la retorica dell’odio, sottilmente velata, avvelenare ancora una volta la nostra vita pubblica. Il governatore Bryant e i firmatari della legge non sono le sole voci del Mississippi: qui ci sono sempre state persone che combattono le ingiustizie e lo faranno ancora. Questo è il volto del Mississippi che vogliamo“.

I 95 AUTORI

Ed ecco la lista, aggiornata a metà aprile 2016, degli autori del Mississippi che sostengono la protesta contro la legge HB 1532: Ellis Anderson, Ace Atkins, Howard Bahr, Angela Ball, Marion Barnwell, Steven Barthelme, Matt Bondurant, William Boyle, Carolyn Brown, Kelly Butler, Jimmy Cajoleas, Sarah C. Campbell, Julie Cantrell, Hodding Carter III, Hodding Carter IV, Maari Carter, Jim Dees, James Dickson, Kendall Dunkelberg, William Dunlap, Lee Durkee, Margaret Eby, John T. Edge, Liz Egan, Kelly Ellis, W. Ralph Eubanks, Beth Ann Fennelly, Ellen Ann Fentress, William R. Ferris, Ann Fisher-Wirth, Tom Franklin, Martha Hall Foose, Christopher Garland, Melissa Ginsburg, John Grisham, Matthew Guinn, Minrose Gwin, Becky Hagenston, Derrick Harriell, Brooks Haxton, Gerard Helferich, Ravi Howard, Lisa Howorth, T. R. Hummer, Greg Iles, Deborah Johnson, Rheta Grimsley Johnson, Michael Kardos, James Kimbrell, Taylor Kitchings, Jamie Kornegay, Kos Kostmayer, Catherine Lacey, Kiese Laymon, T. K. Lee, Beverly Lowry, Richard Lyons, Suzanne Marrs, C. Liegh McInnis, Margaret McMullan, Greg Miller, Mary Miller, Andrew Malan Milward, Benjamin Morris, Family of Willie Morris, Scott Naugle, Teresa Nicholas, Michael Pickard, Catherine Pierce, John Pritchard, Douglas Ray, Julia Reed, James Seay, Kevin Sessums, Gary Sheppard, Katy Simpson Smith, Matthew Clark Smith, Michael C. Smith, Michael Farris Smith, Kathryn Stockett, Donna Tartt, Tate Taylor, Wright Thompson, Natasha Trethewey, Tiffany Quay Tyson, Jesmyn Ward, Brad Watson, Larry Wells, Neil White, Curtis Wilkie, Ruth Williams, Austin Wilson, Gerry Wilson, Steve Yarbrough, Steve Yates.

La terra dimenticata da Internet

Standard

jg_mississippi

Wired Usa ha realizzato un interessante reportage sul digital divide e sui problemi di accesso a Internet in Mississippi, lo stato in cui John Grisham è cresciuto e in parte ancora vive. The land that Internet era forgot (La terra dimenticata dall’era di Internet) è il titolo del long-form, firmato da W. Ralph Eubanks e corredato da splendide fotografie di Tabitha Soren, che puoi leggere in inglese qui.

Al seguito di un curioso “evangelizzatore digitale”, il giornalista ha percorso le campagne e le cittadine di provincia del Mississippi, soprattutto nella zona del Delta, evidenziando come l’arretratezza economica e l’isolamento culturale – si tratta uno degli stati più poveri e retrogradi degli Usa – si rispecchiano anche nelle difficoltà di accesso alla Rete e nella scarsità di banda larga. Un fattore, oggi, a dir poco fondamentale per lo sviluppo di un territorio.

MISSISSIPPI OGGI

L’arretratezza sociale, economica e culturale del Mississippi è un aspetto che emerge nettamente, in molte occasioni, dagli stessi romanzi di John Grisham. Lo scrittore ha frequentato qui liceo e università, ha esercitato l’avvocatura ed è stato persino parlamentare: insomma, il Mississippi è casa sua.

Eubanks – anch’egli un Mississippian – riporta che oggi lo stato con capitale Jackson è in fondo a tutte le classifiche di prosperità e benessere rispetto agli altri stati dell’Unione e oltre un milione di persone (cioè più di un terzo della popolazione totale) è tagliato fuori dalla banda larga. Gran parte della popolazione, afroamericana al 38% (la più alta percentuale degli Usa), è troppo povera per permettersi un abbonamento da rete fissa o un piano dati per il proprio smartphone, sempre che ne abbia uno.

Decenni di segregazione razziale e di isolamento voluto e strenuamente difeso dalle élite bianche hanno reso il Mississippi un luogo da cui si cerca di scappare, mentre chi resta si trova tuttora a fare i conti con persistenti diseguaglianze, tra bianchi e neri, tra abitanti di città e di campagna. Internet potrebbe essere una delle chiavi per livellarle.

EVANGELIZZATORI DI INTERNET

Ad accompagnare l’inviato di Wired è Roberto Gallardo, 36enne di origine messicana che lavora per l’Extension Service. È un ente che risale al tempo in cui gli Stati Uniti erano ancora una nazione prevalentemente rurale e che aveva come scopo la diffusione del know-how più avanzato in fatto di agricoltura a tutte le case e le fattorie dell’entroterra. In pratica, agenti statali “evangelizzatori” battevano le campagne per istruire i contadini sui metodi più moderni per incrementare la produttività della loro terra.

Oggi gli Extension Service fanno ancora questo, ma non solo: il lavoro di Gallardo e dei suoi colleghi è spargere il verbo di Internet nell’arretrato contado del Mississippi, nelle piccole biblioteche delle cittadine, negli uffici pubblici, nelle sonnolenti assemblee del Rotary. L’alfabetizzazione digitale, la banda larga e l’accesso alla Rete come diritto garantito sono fattori decisivi per entrare a pieno titolo nelle dinamiche sociali ed economiche di oggi.

Se non hai accesso alla tecnologia o se non sai come usarla, è ormai simile al non saper leggere o scrivere. La banda larga è essenziale per le infrastrutture di questo paese così come lo fu l’elettricità 110 anni fa o il sistema autostradale 50 anni fa“, spiega Gallardo, come se fosse uno di quei predicatori itineranti cari a questa nazione, mentre sbalordisce il suo uditorio con parole come cloud computing, internet delle cose, rivoluzione mobile e invita tutti ad aprire un sito e a sbarcare sui social media.

LA SOCIETA’ CHIUSA

La società chiusa”, così gli attivisti per i diritti civili definirono il Mississippi negli anni ’60. In quel periodo W. Ralph Eubanks era un bambino che suo padre, funzionario dell’Extension Service, si portava appresso in giro per lo stato. Erano ancora in vigore le leggi segregazioniste e allora la sua qualifica ufficiale era “Negro county agent”: Eubanks padre, uomo in gamba ma sempre visto come uno straniero seppur proveniente dalla vicina Alabama, agiva convinto che insegnare ai contadini neri del sud, ex mezzadri e ora piccoli proprietari, come ottenere profitto dalla loro stessa terra era la strada migliore per portarli fuori dalla povertà. Il terreno di quella zona fluviale era fertile e spesso bastava un piccolo appezzamento coltivato per assicurarsi una vita dignitosa. Tutto questo mentre le élite bianche ricorrevano a ogni mezzo, compreso l’oscuramento di trasmissioni televisive, per difendere i propri privilegi. Oggi suo figlio vuole verificare se il digital divide di oggi affonda le sue radici in quel lungo isolamento.

Il Mississippi è povero, su questo non ci piove. La fine della segregazione razziale ha determinato un allontanamento di élite e capitali bianchi, e il governo statale tuttora non fa molto per integrare pienamente i neri nell’economia. Nel suo viaggio, Eubanks incontra cittadine povere e degradate come Clarksville, Tchula o Ruleville, in cui avere una connessione veloce non è una priorità per gli abitanti, ma anche centri dinamici come Quitman che nonostante i mille problemi ha fatto fronte comune non appena si è presentata l’opportunità di avere la banda larga per tutti, nonostante qualche resistenza e pregiudizio sempre presenti soprattutto da parte dei cittadini più anziani e diffidenti. E i miglioramenti si sono visti, ma si tratta di casi isolati. Spesso le città non hanno risorse da investire nell’incremento dell’infrastruttura digitale, perché tra criminalità, incarcerazione di massa e povertà hanno ben altro per la testa.

In fin dei conti, disporre di accesso a Internet continua a essere considerato in Mississippi come un lusso per pochi e non un diritto civile per tutti. Con tutte le conseguenze che, nel 2015, si possono ben immaginare.

10 motivi per cui mi piace John Grisham

Standard

jg_grisham_john

John Grisham è il mio scrittore preferito. Leggo i suoi romanzi da circa dieci anni e da un anno e mezzo gli dedico questo blog. Sono oltre trenta titoli, tra legal thriller – per cui è conosciuto in tutto il mondo – e libri di altro genere, in cui ha raggiunto ugualmente livelli molto interessanti. Ci sono storie irresistibilmente coinvolgenti e altre meno, “di routine” le potrei definire.

E’ normale. Una squadra vincente non gioca tutte le partite di campionato con la stessa intensità. E’ dominante in buona parte di esse, in altre stringe i denti e porta a casa il risultato al di là dello spettacolo e qualcuna la perde pure, nulla di strano. Ciò che conta è il modello di gioco, la realtà costruita intorno a un successo, e John Grisham ci è riuscito: la sua identità è ormai inconfondibile, ogni volta che inizi un suo romanzo sai che ti porterà in un mondo a te familiare oppure ti guiderà alla sua scoperta senza farti perdere l’orientamento.

Ecco allora 10 motivi per cui mi piace John Grisham.

1) LA PASSIONE PER LO SPORT. Grisham considera lo sport fondamentale per la crescita di un individuo e altrettanto basilare per la convivenza sociale. Tre suoi romanzi sono a tematica sportiva e molti altri sono ricchi di riferimenti e accenni al mondo dello sport.

2) LA DENUNCIA SOCIALE. Le distorsioni del sistema economico, giuridico e sociale degli Stati Uniti d’America sono al centro di alcuni dei migliori romanzi di Grisham, ex avvocato. Gli attacchi alla pena di morte, alle grandi società senza scrupoli, alle falle dell’apparato giudiziario sono familiari per i suoi lettori.

3) IL RACCONTO DI ALCUNI CONTESTI DELLA SOCIETA’ AMERICANA. Grisham ci fa conoscere dall’ìnterno alcune importanti realtà, senza le quali non comprenderemmo le storie narrate: la vita nei grandi studi legali, i meccanismi della giustizia, la familiarità degli statunitensi con il baseball e il football, le cittadine di provincia, i vari tipi di avvocati, il funzionamento delle lobby.

4) IL RAPPORTO CON IL CINEMA. Senza la fantasia di Grisham non avremmo mai potuto vedere film di grandi successo, interpretati e diretti da alcuni tra i più celebri attori e registi: Tom Cruise, Gene Hackman, Julia Roberts, Denzel Washington, Matt Damon, Susan Sarandon, Matthew McConaughey e molti altri.

5) L’AMORE PER L’ITALIA. Il Broker è ambientato a Bologna, Il Professionista a Parma e sono due straordinari omaggi allo stile di vita italiano. Grisham “spizzica” un po’ la nostra lingua e ogni tanto è ospite a qualche festival. Chissà, magari prima o poi si comprerà una casa da queste parti…

6) LO STILE DI VITA. Grisham vive in modo sano e disciplinato. Si alza prestissimo ogni mattina e si mette a scrivere fino a ora di pranzo. Quando lavorava duro come avvocato, era costretto a farlo nel poco tempo libero, tra cui appunto nelle prime ore di luce. Oggi si gode la sua vita in campagna e gestisce il suo centro sportivo dedicato al baseball.

7) LA SEMPLICITA’. John Grisham tratta spesso argomenti seri e complessi, ma senza mai dimenticare il gusto per l’intrattenimento. Altrimenti il pubblico si annoierebbe a morte. La sua prosa è lineare e alla base delle sue storie ci sono valori semplici come la famiglia, l’amicizia, il perdono.

8) GLI STATI UNITI. Che siano i grattacieli di New York o i piccoli centri rurali del Mississippi, l’ambientazione di gran parte dei romanzi di John Grisham non tradisce: niente sa attirare il lettore come il fascino degli States!

9) L’ANTIRAZZISMO. John Grisham è fortemente antirazzista, pur essendo cresciuto un luogo culturalmente arretrato come il Mississippi. Recentemente si è espresso a favore dell’eliminazione, dalla bandiera dello Stato, dei richiami alla bandiera sudista.

10) NIENTE E’ IMPOSSIBILE. Molte storie di John Grisham hanno per protagonisti degli “outsider” che, di fronte a imprese apparentemente impossibili, riescono con grinta e tenacia a conquistare traguardi inimmaginabili oppure a tirarsi fuori da trappole mortali.

E a te, perché piace John Grisham?

Grisham dice no alla bandiera sudista

Standard

jg_mississippi_bandiera

John Grisham favorevole alla rimozione della bandiera confederata, comunemente nota come bandiera sudista, attualmente presente sul vessillo ufficiale del Mississippi. Lo ha dichiarato lo stesso scrittore in un’intervista a Time, in cui si dice convinto che il cambiamento avverrà molto presto e che un simbolo della schiavitù e dell’odio razziale non sarà più presente sulla bandiera dello Stato in cui Grisham è cresciuto (è nato in Arkansas). Tutto questo nonostante il Mississippi non si sia mai distinto sul piano del progresso e dei cambiamenti di mentalità.

Il re del legal thriller è tra i firmatari di una petizione lanciata sul locale Mississippi Clarion-Ledger. Insieme a lui ci sono anche altri personaggi celebri originari del Mississippi: l’attore Morgan Freeman, il cantautore Jimmy Buffett, l’ex quarterback Nfl Archie Manning, il coach di football della University of Mississippi Hugh Freeze, la scrittrice Kathryn Stockett (autrice del libro The Help sulle tematiche dei diritti civili, da cui è stato tratto l’omonimo film), più i due senatori federali e una serie di giornalisti, politici, editori legati al Mississippi. Si sono detti favorevoli persino alcuni candidati alle primarie del Partito Repubblicano in vista delle elezioni presidenziali Usa 2016.

Non è pulito né onorevole – si legge nell’appello – chiedere a cittadini neri del Mississippi di frequentare scuole, gareggiare in competizioni sportive, lavorare nel settore pubblico, prestare servizio nella Guardia Nazionale e condurre le loro vite normali sotto una bandiera statale che glorifica una guerra combattuta per tenere in schiavitù i loro antenati“. I firmatari richiamano inoltre la storia della bandiera, facendo notare che lo stesso generale confederato Robert E. Lee aveva chiesto che venisse rimossa già alla fine della guerra civile, avvenuta nel lontanissimo 1865.

UNA BANDIERA NON PIU’ AMATA

jg_bandiera_confederata_sudistaLa bandiera confederata rappresenta i 13 stati – Alabama, Arkansas, Florida, Georgia, Kentucky, Louisiana, Mississippi, Missouri, North Carolina, South Carolina, Tennessee, Texas, Virginia – che nel 1861 operarono una secessione dal resto degli Stati Uniti, dando il via alla guerra civile americana, nota anche come guerra di secessione e conclusasi quattro anni dopo con la vittoria dei nordisti e la riunificazione degli Usa.

Il vessillo è composto da una croce di Sant’Andrea blu su campo rosso, percorsa da tredici stelle, uno per ogni Stato. Nelle singole bandiere degli stati confederati, colori e motivi della bandiera sudista sono richiamati in almeno sei di essi ed è esplicitamente presente in quella del Mississippi. Essa, inoltre, viene persino issata in contesti ufficiali, nonostante richiami un mondo dominato fino a pochi decenni fa dalla schiavitù e dalla segregazione razziale.

Da diverso tempo, negli Stati del sud si sta facendo fortemente strada l’idea di eliminare qualsiasi riferimento alla bandiera confederata. I grandi supermercati Wal-Mart hanno cessato la vendita di qualsiasi prodotto abbia a che fare con quella bandiera. Una questione rafforzata in seguito alla strage di matrice razziale avvenuta nel giugno 2015 a Charleston, in South Carolina, in cui il ventunenne Dylann Roof sparò in una chiesa uccidendo nove fedeli afroamericani.

Persino la Ncaa – la potente organizzazione che amministra lo sport universitario negli Usa – ha soltanto quest’anno posto fine a un divieto al South Carolina di ospitare alcune competizioni sportive, che durava da quasi quindici anni, in quanto la bandiera confederata sventolava sull’edificio del parlamento statale.

“CAMBIAMENTO LENTO E DIFFICILE, MA ARRIVERA'”

jg_jackson_mississippi_capitolLa minaccia di sanzioni della Ncaa – ha detto John Grisham – potrebbe accelerare la soluzione del problema. Lo sport universitario qui è una parte importante delle nostre vite e se la Ncaa adottasse regole che penalizzano le squadre per cui tifiamo, potremmo pure cominciare a dimenticarci della guerra civile. In Mississippi, purtroppo, il cambiamento è lento ma credo che succederà più presto che tardi“.

John Grisham è favorevole alla rimozione della bandiera confederata dal Mississippi fin dal referendum statale del 2001, in cui tuttavia gli elettori dello Stato in cui vive bocciarono l’idea. Ora il tema è tornato fortemente di attualità, non solo per i fatti di sangue ma anche grazie alla petizione promossa da personaggi molto noti in tutti gli States.

Ma cosa ne pensa il cittadino medio del Mississippi? E cosa serve per cambiarne la mentalità? “Non c’entra il cittadino medio e non voglio speculare su cosa pensano gli abitanti del Mississippi – spiega Grisham – Si tratta di una questione politica, spetta alla legislatura occuparsene. Nel 1984, quando ero un giovane membro democratico alla Camera dei Rappresentanti, ci fu la proposta di rendere festivo il giorno di nascita di Martin Luther King. Ma cadde nel vuoto. Mentre il tempo passava, molti Stati hanno introdotto quella festività e finalmente la facemmo passare anche in Mississippi. Come ho detto, qui il cambiamento è lento e difficile“.

John Grisham, tra i firmatari della lettera, ha ovviamente contribuito alla redazione del testo, la cui prima bozza è stata scritta dallo scrittore Greg Iles. “Abbiamo iniziato a contattare altri amici – conclude Grisham – soprattutto scrittori, giornalisti, editori, poeti. La risposta è stata davvero entusiasta e la lista è man mano cresciuta sempre di più, fino a comprendere i due senatori locali Thad Cochran e Roger Wicker, oltre allo speaker della Camera statale. Tuttavia è impossibile prevedere come la questione sarà affrontata nell’arena politica“.

jg_momento_uccidere_bandieraLA BANDIERA NE IL MOMENTO DI UCCIDERE

La bandiera confederata è mai apparsa nei romanzi di John Grisham?

Sì, nel suo esordio letterario, Il momento di uccidere. I lettori più attenti, e anche coloro che hanno visto il film tratto da quel romanzo, ricorderanno la bandiera appesa al lunotto del fuoristrada giallo di Billy Ray Cobb e Pete Willard, i due trucidi teppisti che violentarono la figlia di Carl Lee Hailey venendo poi uccisi a fucilate da quest’ultimo.

Clanton, Mississippi

Standard

jg_mississippi_clanton

Non vi scervellate a cercare Clanton, Ford County, Mississippi su Google Maps o, se siete all’antica, su mappe stradali o atlanti, neppure sui più dettagliati. La cittadina di provincia in cui John Grisham ha ambientato vari e importanti romanzi – Il momento di uccidere, La convocazione, L’ultimo giurato, Ritorno a Ford County, L’ombra del sicomoro – in realtà non esiste. Al massimo c’è una Clanton nel vicino Alabama, ma non è la stessa cosa.

Le vostre ricerche, così, si fermeranno al Mississippi. Perché quello – uno degli stati più poveri degli Usa, nel cosiddetto Profondo Sud – esiste eccome. E Grisham lo conosce bene, dal momento che ci è cresciuto e andato a scuola, vi ha lavorato ai tempi in cui faceva l’avvocato e lì possiede tuttora una residenza di campagna, a Oxford.

Clanton, invece, così come la contea in cui sorge, è una località immaginaria, in cui il re del legal thriller cerca di riprodurre le caratteristiche, nel bene e nel male, del “suo” Mississippi. Clanton è inventata, così come la Messina de L’allenatore, la Bowmore di Ultima sentenza o la Strattenburg della saga di Theodore Boone, mentre in altri casi John Grisham ha optato per città veramente esistenti. Anche la contea di Ford è immaginaria, e qui è stato facile: le contee americane (equivalenti pressappoco alle nostre province) portano spesso il cognome di presidenti degli Usa.

WELCOME TO CLANTON

In base alle informazioni deducibili dai romanzi di Grisham, Clanton è una cittadina di circa diecimila abitanti situata nella parte nordoccidentale dello stato, in una zona rurale non lontana da Memphis, che, seppure ubicata nel Tennessee, è la grande città più vicina, il punto di riferimento per tutto ciò di cui si ha bisogno e che nelle campagne non si trova. Il clima è tipicamente caldo umido.

Clanton rispecchia i caratteristici problemi del Sud degli Usa: in primis la difficile convivenza tra bianchi e neri e le gravi questioni razziali – più acute negli anni ’60 e ’70 e poi, con l’integrazione, affievolitesi ma mai scomparse – e quindi la povertà e l’ignoranza dell’abitante medio, le abitudini retrograde della popolazione, l’isolamento culturale, la violenza, la pena di morte, la frustrazione dei piccoli avvocati e l’indifferenza della borghesia locale. Anche se, come ha rivelato lo stesso Grisham in un’intervista a La Repubblica nel 2010, “ci sono persone meravigliose, e generose. Vivo in Virginia, in una piccola città, e mi sarebbe difficile vivere in qualsiasi altro posto. Il Sud rappresenta la mia cultura, le mie origini. E i problemi che ci sono… beh, sono comuni a molti altri luoghi“.

PROVINCIA PROFONDA

Clanton è una tipica città di provincia americana, con l'”aggravante” di trovarsi nel povero Mississippi. L’arteria principale è la Main Street, ricorrente in quasi tutte le cittadine d’America, sulla quale si affacciano i principali negozi, caffè e attività. Edificio dominante è il tribunale, che si affaccia sulla piazza centrale, circondato da edifici in gran parte occupati da studi legali.

Gli svaghi sono davvero pochi, a Clanton. Qualche locale e nulla più, e clientela non sempre raccomandabile. Allora, nei venerdì sera d’autunno, tutti ad affollare le gradinate dello stadio per tifare a squarciagola per la locale squadra di football liceale: i Cougars della Clanton High School, stando al racconto riportato ne L’ultimo giurato. I personaggi locali costituiscono una fauna ben riconoscibile: da onesti lavoratori a delinquenti senz’arte né parte, da contadini del circondario ad avvocati di piccolo cabotaggio, da normali famiglie a fidati tutori dell’ordine (immancabile lo sceriffo), dalle varie personalità di giudice fino a pastori e fedeli di svariate confessioni religiose.

Alcuni hanno visto nel nome Clanton un richiamo al famigerato Ku Klux Klan (“Klan Town”), che fu molto attivo in quel territorio, ma lo stesso Grisham ha affermato che si tratta solo di una coincidenza. In realtà, un aggancio tra il nome Clanton e la biografia di John Grisham c’è: Don Clanton era il suo allenatore di football ai tempi del liceo alla Southaven High School.