Thriller a Camino Island

Standard

Arriva il thriller estivo di John Grisham: Camino Island. Dentro, ci sono la sua passione per i libri rari, di nuovo la Florida – già ambientazione de L’informatore, il romanzo uscito nell’autunno 2016 – e ancora una protagonista femminile, una costante degli ultimi lavori dell’autore americano. Continua a leggere

Annunci

I segreti di John Grisham

Standard

In occasione del BookExpo America 2016 svoltosi a Chicago dall’11 al 13 maggio, il magazine Publishers Weekly ha intervistato John Grisham sul nuovo romanzo a cui sta lavorando, The Whistler, e in generale sulla sua straordinaria carriera. Il legal thriller che uscirà a ottobre negli Stati Uniti avrà come trama una pericolosa indagine sulla corruzione giudiziaria ad alti livelli. Continua a leggere

The Writers’ War

Standard

AMAZON

C’è anche John Grisham tra i firmatari della lettera con cui i grandi della letteratura mondiale si oppongono all’egemonia di Amazon nelle vendite online. Il colosso americano di Jeff Bezos è accusato di fare pressioni sulle case editrici, allungando i tempi di consegna dei libri e sconsigliandone o addirittura impedendone la prenotazione. Una disputa in corso da mesi che sembra tramutarsi ora in una “guerra” tra scrittori.

Tutto è iniziato dall’appello lanciato da Douglas Preston, popolare autore di techno-thriller, raccolto in massa da celebri autori tra cui, oltre a John Grisham, Paul Auster, Stephen King, Jonathan Littell, David Baldacci, Donna Tartt. Secondo quanto riportato da Alberto Flores D’Arcais, corrispondente da New York de “La Repubblica“, la lettera “ha provocato la reazione di chi (meno famoso, almeno per ora) proprio grazie alla rete e alle vendite online inizia a imporsi sul mercato editoriale“.

Da una parte, quindi, i famosi sottoscrittori della lettera di Douglas Preston, dall’altra l’universo degli autori che proprio grazie alla rete sono riusciti a emergere dall’anonimato. I primi sostengono che è merito delle grandi firme e dei loro bestseller che Amazon sia potuto diventare quello che è oggi, mentre i secondi fanno notare come l’industria dei libri, grazie alle piattaforme come Amazon, non abbia più il totale controllo sulle scelte editoriali e sui prezzi da applicare.

Siamo di fronte a una guerra degli scrittori?