Grisham 4° scrittore più pagato al mondo

Standard

Anche quest’anno Forbes, la celebre rivista statunitense di economia e finanza, ha diffuso la classifica degli scrittori più ricchi del mondo. Il periodo preso in esame è compreso tra giugno 2015 e giugno 2016 e John Grisham, con 18 milioni di dollari, si piazza al quarto posto, alle spalle di James Patterson, Jeff Kinney e J. K. Rowling ma davanti a Stephen King, Danielle Steel, Nora Roberts, E. L. James, Veronica Roth e John Green. Continua a leggere

Annunci

Francesco Piccolo parla di Grisham

Standard

jg_piccolo_scrivere

Francesco Piccolo è uno dei cinque scrittori finalisti del Premio Strega 2014, il maggior riconoscimento letterario italiano che sarà assegnato a Roma il 3 giugno. Cosa c’entra lo scrittore e sceneggiatore casertano con John Grisham? Semplice: nel suo “Scrivere è un tic. I segreti degli scrittori” edito da minimum fax, l’autore racconta abitudini, manie, vezzi dei più grandi autori contemporanei, tra cui appunto il nostro J. G.

RITMO E DISCIPLINA

Francesco Piccolo racconta che John Grisham, nato nel 1955, “per i diritti cinematografici del suo romanzo ‘L’appello’ ha ricevuto sei milioni di dollari. In Italia è pubblicato da Mondadori. E’ autore di ‘Il socio’, ‘Il rapporto Pelican’, ‘Il cliente’ e altri romanzi adattati per il cinema hollywoodiano“. Questo nelle note finali sugli autori citati nel libro, a pagina 114.

Ma il succo, al di là delle pillole biografiche, è che a pagina 50 “Grisham, altro scrittore di best seller, si sveglia all’alba e scrive sei pagine al giorno“. Con questa frase, Francesco Piccolo lo inserisce tra quegli scrittori che producono i loro romanzi attraverso la loro grande autodisciplina, capaci di condurre una vita regolata, calma e abitudinaria.

LA FORZA DELL’ABITUDINE

Un’esistenza serena che pone questi autori agli antipodi dalle notti in bianco e dagli stravizi di tanti altri più “maledetti”. Quelli come John Grisham sono invece una sorta di “impiegati” della scrittura che si sentono ispirati soltanto se c’è un ritmo e un orario preciso da seguire. Insieme a John Grisham, figurano Barbara Cartland, Michael Crichton, Ken Follett, Banana Yoshimoto, Truman Capote, Isabel Allende. D’altronde, per dirla con Aristotele, “Noi siamo quello che facciamo ripetutamente. Perciò l’eccellenza non è un’azione, ma un’abitudine.”