12 consigli di scrittura di John Grisham

Standard

Grisham

Durante un incontro alla University of Nebraska Omaha, lo scrittore John Grisham, noto come il “re del legal thriller”, ha offerto alla platea di studenti una lista di consigli utili per chi vuole cimentarsi nella scrittura di un romanzo. Eccoli qua.

1) Scrivi almeno una pagina al giorno.

2) Non scrivere la prima scena finché non sai quale sarà il finale.

3) Scrivi la tua pagina ogni giorno nello stesso posto.

4) Non perdere troppo tempo nel descrivere i tuoi personaggi. Bastano poche parole, ma importanti.

5) Trova un lettore di tua fiducia fin dalle prime bozze. Qualcuno che abbia il coraggio di essere onesto con te.

6) Non tenere un dizionario dei sinonimi a portata di mano. Cerca di usare parole con tre sillabe o meno.

7) Leggi ogni frase almeno tre volte a voce alta, cercando le parole da tagliare.

8) Non parlare del tuo libro finché non sia pronto per essere pubblicato. Non vantarti.

9) Usa le virgolette solo per evidenziare i dialoghi. Altrimenti confondono il lettore.

10) Non scrivere un prologo. I prologhi sono insopportabili.

11) I nomi sono cruciali. Per il tuo personaggio principale, scegli un nome facile da ricordare, ma non troppo comune.

12) Non introdurre troppi personaggi nel primo capitolo.

 

(photo: Lisa Waddell Buser)

Una recensione di “L’avvocato canaglia”

Standard

jg_avvocato_canaglia_mio

Riceviamo e pubblichiamo una recensione del romanzo L’avvocato canaglia di John Grisham segnalataci tramite la nostra pagina Facebook da Roberto Sapienza, che ringraziamo. Il link originale della recensione è qui.

L’avvocato canaglia è un romanzo scritto da John Grisham e pubblicato nel novembre del 2015 in Italia da Mondadori. In qualunque parte del mondo qualora si chieda a un qualsiasi interlocutore quale sia la professione più destata e odiosa, la risposta è unanime: l’avvocato.
 Nell’immaginario comune l’avvocato è una persona amorale, senza scrupoli, avida, cinica oltre che essere un odioso azzeccagarbugli. Ciò nonostante, ogni anno tanti giovani s’iscrivono alla facoltà di giurisprudenza sognando di diventare i nuovi Perry Mason.

Eppure, come in ogni categoria, ci sono differenti tipi di avvocati e alcuni possono essere anche dei simpatici stronzi da conoscere.
 John Grisham, che prima di diventare un grande scrittore è stato un avvocato di successo, conosce bene quel mondo. E negli anni ha scritto diversi e brillanti romanzi sugli avvocati dalle diverse sfumature, eppure tutti alla fine pronti con il loro talento e intelligenza a trasformarsi in eroi per migliorare la società.

Stavolta invece con L’avvocato canaglia lo scrittore americano compie un’operazione diversa, mettendo al centro della scena una figura forense diversa dal solito schema, un cavaliere del diritto al servizio dei propri interessi, arrogante, senza scrupoli e pronto a infilare le mani, se è necessario, nella merda. 
L’avvocato canaglia è Sebastian Rudd, un giovane e spregiudicato avvocato che ha scelto di avere come clienti assassini, mafiosi e in genere la feccia della società.
 Rudd è bravo nel suo lavoro, è un mastino che carica a testa bassa contro il sistema giuridico americano. E’ stato sposato per un anno con la collega Judith, poi rivelatasi lesbica. Si detestano, come ogni grande amore, ma sono costretti a tumultuosa convivenza civile, avendo un figlio da crescere.
 Rudd è un lupo solitario, ama rischiare, le sue attività si svolgono spesso al limite della legalità.

La scelta narrativa di Grisham di far raccontare le diverse vicende allo stesso Rudd si rivela vincente e avvolgente. Fin dalle prime pagine del romanzo la lettura è incalzante, interessante sostenuta da un crescente ritmo.
 La struttura narrativa è convincente, ben costruita confermando il talento e creatività di John Grisham.
Il lettore è trascinato fin da subito nell’adrenalinica vita dell’uomo, non potendo non essere incuriosito e coinvolto da tutti e gli impegni e casi in cui Rudd è protagonista. La vita privata e quella lavorativa si mescolano creando un unico e forte vortice di emozioni e pathos.

E’ divertente, come lettore, osservare i rapporti e le dinamiche convulse e personali che Rudd instaura con i suoi molteplici clienti, quasi tutti colpevoli e legati con la criminalità.
 Sebastian è un avvocato atipico, vuole sì trarre profitto dalla sua professione e nello stesso ha sua rigorosa etica del lavoro e della giustizia.
 Una volta terminato di leggere questo libro, probabilmente non cambierete la vostra opinione negativa sugli avvocati, ma vi augurerete quanto di meno di incontrare sulla vostra almeno una canaglia come Sebastian Rudd.