La casa dipinta

Standard

jg_la_casa_dipinta

Per le vacanze estive il libro di John Grisham che suggerisco è La casa dipinta, uscito nel 2001, titolo originale A Painted House. Si tratta, probabilmente, del romanzo più atipico dello scrittore conosciuto come il re del legal thriller, ma che nel corso della sua carriera si è cimentato anche con altri generi.

La casa dipinta è un romanzo “rurale”, in quanto ambientato tra i campi di cotone dell’Arkansas negli anni ’50. Una realtà agricola che, da bambino, lo stesso Grisham ha in parte vissuto in prima persona, con il padre, un operaio edile, che ha avuto anche esperienze da coltivatore di cotone.

CON GLI OCCHI DI UN BAMBINO

Arkansas, estate 1952. Lontano un milione di chilometri, i soldati americani combattono in Corea. Ma tra le piantagioni di cotone del Sud degli Stati Uniti è tempo di pensare soltanto al raccolto e la vita campestre prosegue come tutti gli anni.

Il piccolo Luke Chandler, sette anni, è il protagonista della storia, che lui stesso racconta in prima persona. E’ il figlio minore di una famiglia di agricoltori, ma da grande non vuole saperne di diventare come loro: il suo sogno è diventare un giocatore di baseball dei St. Louis Cardinals, la squadra per cui tutti fanno il tifo, laggiù nell’Arkansas. Le cronache delle partite dei Cardinals sono una delle poche cose che arrivano dal mondo esterno, attraverso una vecchia radio che tutta la famiglia, durante il riposo serale, ascolta con religiosa devozione.

Non inganni quella che a prima vista appare come un’idillica scena agreste. La vita nel campi è durissima, è una lotta per la sopravvivenza da consumarsi spaccandosi la schiena sotto il sole cocente. I Chandler, famiglia molto unita, patriarcale e religiosa, diventano molto severi quando c’è di mezzo il raccolto da cui dipende la vita di tutti.

Luke, un bambino che si aggrappa alla propria innocenza, sarà costretto tuttavia a crescere in fretta, aiutando anche lui nel raccolto e trovandosi di fronte tutta una serie di cose “da grandi” a cui non dovrebbe assistere. Sono pane quotidiano gli attriti tra i braccianti – un gruppo di messicani e una famiglia di montanari – che i Chandler assoldano per la stagione estiva, episodi di violenza che sfociano in delitti, la paura di perdere il raccolto e segreti inconfessabili che a Luke aprono gli occhi sulla realtà in cui vive. Fino alla svolta finale, che cambierà per sempre il suo destino e quello dei suoi genitori.

L’AMERICA RURALE

John Grisham porta il lettore in uno scenario inusuale rispetto ai temi e alle ambientazioni tipiche della maggior parte dei suoi romanzi. Il nativo di Jonesboro, Arkansas, ci conduce nella sua terra natia, raccontando l’epopea dell’America rurale del dopoguerra, un mondo contadino in cui da un lato si evidenziano i valori di solidarietà, fede e famiglia tipici dell’epoca ma dall’altro ne emerge in maniera veemente la durezza, tra odi secolari, tensioni quotidiane e sudore dall’alba al tramonto.

Nel 2003 dal romanzo è stato tratto il film per la tv A Painted House diretto dal regista messicano Alfonso Arau.

Annunci

Un pensiero su “La casa dipinta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...